Canna Black Widow X, canna da carpfishing Daiwa

by squid Email Condividi su Facebook:

Canna da carpfishing Black Widow X Daiwa.

Arrivata finalmente la nuova serie di canne da carpfishing DAIWA, colosso mondiale nel mondo della pesca e delle canne da pesca più prestigiose, nate con l’obbiettivo di creare un nuovo standard qualitativo che si vada a collocare nella fascia di prezzo medio/bassa delle canne per la pesca alle grandi carpe.

La Black Widow X, il cui nome in inglese significa ‘vedova nera’, è una canna da carpfishing realizzata nel materiale Woven Carbon, materiale estremamente resistente e performante, montano anelli in ossido di alluminio e placca portamulinello in grafite.

Due i modelli attualmente in assortimento: 13’ piedi da 3,00 libbre e 13’piedi da 3,50 libbre.

Il primo modello è stato ideato per i pescatori che cercano una canna versatile con la quale potersi divertire in ogni situazione, anche combattendo pesci di taglia contenuta. La seconda versione è invece più robusta potente e, anche mantenendo un’ottima sensibilità, è perfetta per combattere pesci impegnativi, per chi deve lanciare inneschi voluminosi e pesanti, e per pescare in ambienti ricchi di ostacoli oppure è semplicemente un affezionato del long-range carpfishing.

Caratteristiche della canna da carpfishing Daiwa Black Widow X:

· Struttura in Woven Carbon;

· Anelli passafilo a doppio ponte con passante realizzato in ossido di alluminio;

· Esclusiva placca porta mulinello, con collarini in metallo;

· Livello di finitura estremamente raffinato (come DAIWA solo sa fare), con legature impeccabili.

Ricordiamo a tutti gli appassionati della pesca alla carpa, che la canna da pesca è solo l'estremità del cervello del pescatore, e che, qualsiasi canna da pesca si decida di acquistare, ci troveremo sempre di fronte alle stesse difficoltà: trovare il pesce e portarlo a riva. Il vero pescatore si riconosce non per l'attrezzatura da carpfishing (che rimane fondamentale per le lotte più difficili), ma per la sua tenacia nel lottare contro posti dificili e per il suo amore e il rispetto per la natura che lo circonda.

Partecipa alle discussioni sulla pesca alla carpa nel Carpishing Forum


Carpfishing online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Carpfishing nel tevere a Roma.

by squid Email Condividi su Facebook:

Sono nato e cresciuto a Roma e praticando carpfishing da oltre 15 anni, ho trascorso gran parte del mio tempo inevitabilmente sulle sponde del biondo Tevere, fiume che solca Roma dividendola in due e che lento e ampio scende a valle fino alla foce di Fiumicino praticando il carpfishing con granturco prima e boilies dopo. Cimentarsi nella pesca alle carpe del Tevere è un'avventura particolare in quanto ogni regola conosciuta nella stra grande maggioranza dei luoghi di pesca viene a perdersi nelle acque di questo fiume, che rispetta regole e orari tutti suoi.

Il Tevere è sporco ma pieno di pesci.

Il fiume Tevere è ricco di pesci da fare impressione, anche se il colore delle sue acque e l'olezzo pessimo che sale dal pelo dell'acqua sembrano suggerire l'opposto. Forse è proprio a causa delle malfamate e sudice acque del Tevere, inquinate oltre ogni limite, che i pesci hanno trovato il loro habitat migliore, in cui nessuno osa e si azzarda a pescarli con l'intento di mangiarli per paura di prendere qualche malattia.

Cavedani, carassi, barbi e lucci (luccio classico e il luccio perca o sandra) invadono le acque del fiume romano, tra anguille e nutrie, per la felicità dei pescatori di canna.

Mentre i pescatori al colpo (ossia quelli che vanno in cerca di pesci di qualche etto) sono abbastanza felici di trovarsi davanti chili e chili di pesce pronto a mangiare l'esca, gli amanti del carpfishing, che sono abituati normalmente a due, tre catture al giorno, letteralmente sballano per la quantità di grandi carpe che si trovano ad incontrare durante una semplice battuta di pesca di poche ore.

 

Carpfishing nel fiume Tevere a Roma.

 

 

Carpa catturata a carpfishing nel fiume Tevere a Roma.

Il carpfishing nel fiume Tevere in qualsiasi area fino a 2 chilometri dalla foce di Fiumicino e si può praticare assicurandosi di aver sondato bene tutto l'ambiente in cui si decide di andare a pasturare con un piombo e un amo, al fine di individuare nell'area preposta alle nostre future battute di pesca alla carpa, eventuali ostacoli che ci potrebbero portare a perdere troppi hair rig una volta in pesca. Aver trovato un'area perfettamente sgombra di ostacoli, non significa aver trovato la porta del paradiso; le continue piene del fiume spostano costantemente i fondali, motivo per cui, anche dal punto di vista della presenza dei pesci, non sempre nel Tevere, una postazione rimane fruttuosa a vita.

Quando pescare a carpfishing nel Tevere?

Altro consiglio importantissimo è in merito alle condizioni metereologiche. Nel Tevere, a seguito di una pioggia, e se questa è stata forte e prolungata, per diversi giorni a seguito dell'ultimo giorno di pioggia, il fiume è sporco, impraticabile, ricco di ostacoli che continuamente spostano le lenze e soprattutto, le carpe spariscono.

Per poterle rivedere attive si deve attendere la normalizzazione del fiume, la "pulizia" dell'acqua (che nel Tevere significa lanciare i terminali e, nel ritirarli a riva avere la lenza totalmente sgombra da oggetti vari che vi si depositano sopra quando l'acqua è sporca a seguito dei temporali).

Prevalentemente il periodo buono coincide con le acque basse e lontano dagli innalzamenti. La Diga di Castel Giubileo, che regola il flusso del fiume Tevere all'entrata di Roma Nord, ne mantiene il più possibile costante il livello, anche se in caso di forti piogge, l'apertura delle chiuse per motivi di sicurezza, riversa nelle acque del Tevere milioni di metri cubi al giorno di acqua in più, che bastano e avanzano per rovinare la pesca anche per due settimane.

Partecipa alle discussioni sulla pesca alla carpa nel Carpishing Forum


Carpfishing online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Canna da carpfishing Chub Outkast, test di rottura.

by squid Email Condividi su Facebook:

La canna da Carpfishing Chub Houtkast è considerata attualmente la canna da pesca per carpa con il più ampio margine di resistenza alla rottura da trazione. Il video seguente mostra la Chub Outkast sotto una pressione presunta costante rompersi effettivamente dove nessun reale stress di pesca può mai arrivare, se non su una rottura dovuta a negligenza del pescatore nel trasporto della canna da pesca.

Quello che non si evince dal video è il peso effettivo sotto il quale si spacca la canna; o meglio il peso costante di ogni angolo di flessione, perché se il semplice peso di trazione di una carpa in recupero nelle prime fasi di combattimento porta la canna a piegarsi fino a anche soltanto la metà del punto di rottura, beh, tale canna diventa inutile e inutilizzabile per forzare il pesce. Se al contrario, la trazione media di una grande carpa si situa a 1/4 della trazione applicata, allora convenite con me che una tale capacità di resistenza è da considerarsi applicabile solo nel caso si decida di issare a terra la carpa a terra senza guadino e di peso (cosa che solo un folle farebbe, perché la criticità diventerebbe la lenza o la bocca del pesce che si strapperebbe).

In tutti gli altri casi, una simile resistenza diventa pressoché inutile, se non per "acchiappare" il portafoglio del pescatore.

 

 

Partecipa alle discussioni sulla pesca alla carpa nel Carpishing Forum


Carpfishing online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Tenda da carpfishing Eurodome Fox

by squid Email Condividi su Facebook:

Non è questo un post per dare informazioni commerciali, ma un ricordo di tanti momenti di pesca carpfishing. Ho pescato per ben 4 anni con la tenda della Fox Eurodome (questo a testimoniare che non è vero che quando si è sponsorizzati da un marchio, nel mio caso Kevin Nash, si finisce per parlare sempre dei prodotti del proprio sponsor).

Questa tenda a mio avviso è una delle rivoluzioni di sempre del carpfishing. L'Eurodome della Fox ha circa 10 anni ed è una tenda che oltre ad un'estrema rapidità di montaggio, è riuscita a resistere a 10 anni di pesca e a periodi anche lunghi di chiusura in aree umide e in cui qualsiasi tenda normalmente fa la muffa.

L'Eurodome attualmente non è più commercializzata se non nel modello Eurodome 2, che nulla ha a che fare con la vecchia Eurodome storica e questo post non è altro che il ricordo di una delle tende storiche che hanno fatto la differenza nella storia del carpfishing.

Tenda da carpfishing Eurodome Fox.

 

Partecipa alle discussioni sulla pesca alla carpa nel Carpishing Forum


Carpfishing online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Tende da carpfishing. Come scegliere la tenda migliore.

by squid Email Condividi su Facebook:

La scelta di una tenda da carpfishing va operata come segue, e non leggendo le migliaia di riviste del settore che propinano informazioni legate agli sponsor che danno soldi appositamente per aumentare le vendite:

  • La tenda da carpfishing deve essere trasportabile. Esistono tende bellissime ma che richiuse sono veri e propri accrocchi che non permettono di trasportarla in spalla in caso di lunghe passeggiate fino al luogo di pesca.
  • La tenda deve potersi aprire con pochi e semplici passi anche da soli.
  • Non si deve assolutamente tenere conto della sua funzionalità di traspirazione estiva, in quanto l'estate non è un problema spogliarsi, mentre è un vero problema in caso di freddo intenso avere una tenda che non sia in grado di proteggerci dal gelo esterno.
  • La tenda deve avere una zanzariera per permetterci di tenere aperta la porta esterna e sentire quindi  le canne suonare nel caso non si disponga di ricetrasmittente per centraline, ma deve anche consentire l'uscita rapida in caso parta una canna. Questo si può anche modificare a mano cucendo del velcro su entrambi i lati della tenda, rendendo possibile quindi lo "sfondamento" della porta che ci permette di uscire senza badare troppo a dove sta la cerniera.

Questi alcuni piccoli e semplici consigli per scegliere una tenda da carpfishing. Il consiglio che vi do è quello di prendere una tenda per una persona soltanto, poiché spesso ci si trova a doverla installare in aree in cui lo spazio è veramente poco.

Partecipa alle discussioni sulla pesca alla carpa nel Carpishing Forum


Carpfishing online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Sacchetti in PVA per carpfishing.

by squid Email Condividi su Facebook:

I sacchetti in PVA si usano nella pesca a carpfishing per lanciare della pastura, sia essa sottoforma di pellets, di boilies, di sbriciolato di boilies, accanto alla boilie da innesco (quella che ci permetterà di agganciare la carpa e posta sull'hair rig). Il sacchetto ha la particolarità di essere idrosolubile e permette quindi di chiudere la pastura al suo interno come fosse una busta di plastica, agganciarlo all'amo e successivamente lanciare la canna in qualsiasi area si voglia, con la certezza che ovunque si adagi l'amo, sia circondato da nutrimento e sostanze attrattive e aromatiche che invoglino le carpe ad avvicinarsi all'amo.

Nell'iusare sacchetti in PVA è importante ricordarsi che si sciolgono anche a contatto con l'umidità, e che quindi si deve stare attenti ad inserirci boilies bagnate, altrimenti il sacchetto si perforerà all'istante o peggio ancora nel lancio.

Un terminale a cui è stato applicato il sacchetto in PVA risente del peso di quest'ultimo e quindi ricordatevi, nel lanciare l'esca con la vostra canna, di fare attenzione a non forzare eccessivamente il lancio. Il rischio non è quello di rompere la canna da pesca, ma quello di strappare il sacchetto dal terminale.

Nel sacchetto in PVA si possono inserire le sostanze più differenti, dai pellets che si sciolgono in tempi rapidissimi ad altre boilies, fino a qualsiasi altro tipo di pastura secca convenzionale. E' consigliato inserire alcune boilies sempre, per depositare comunque un rafforzamento dell'esca non soggetta a piccoli pesci e che quindi rimarrà sul fondale per molto tempo o fino a che non soggiunga una carpa.

Sacchetti in PVA idrosolubili per carpfishing.

 

Partecipa alle discussioni sulla pesca alla carpa nel Carpishing Forum


Carpfishing online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 >>